Al bando possono partecipare pittori ed artisti che risiedono in Umbria
Un concorso per realizzare il Palio de San Michele 57° edizione


Scarica il BANDO del Concorso _ in formato pdf

In occasione della Festa del Santo Patrono l’ENTE PALIO DE SAN MICHELE indice il
Concorso per l’ideazione e la realizzazione dello “STENDARDO DEL PALIO 2019” 
PREMIO che sarà assegnato al RIONE vincitore della 57a edizione del “Palio de San Michele”


BANDO - REGOLAMENTO

 

1. Finalità del concorso

L’Ente Palio de San Michele, in occasione della 57a edizione, con l’obiettivo di avvalersi d’opere di notevole qualità artistica per la promozione del Palio de San Michele e del territorio di Bastia Umbra, e per valorizzarne l’immagine, la storia, le tradizioni e le peculiarità, indice il concorso per la realizzazione dello Stendardo del Palio (detto anche semplicemente Palio), quale riconoscimento da assegnare al Rione vincitore.


2. Ammissione al concorso

Il concorso, a partecipazione gratuita, è aperto ad artisti, anche non professionisti, nati o residenti in Umbria, che abbiano compiuto il diciottesimo (18) anno d’età.


3. Modalità di partecipazione al concorso

Tutti coloro che, singolarmente o in coppia, intendono concorrere dovranno inviare, con le modalità e nei termini sotto indicati, un bozzetto a colori, il più fedele possibile all’opera che s’intende realizzare come Stendardo.

Il bozzetto dovrà essere presentato in un foglio da disegno con il formato massimo A1 (84 x 59 cm) e minimo A3 (42 x 29 cm), con orientamento verticale, e potrà essere realizzato in qualsiasi stile e tecnica pittorica.


4. Elementi per la realizzazione dello Stendardo del Palio e del bozzetto

Lo Stendardo e il bozzetto, che saranno realizzati, devono contenere obbligatoriamente alcuni elementi iconografici, la cui presenza l’Ente Palio ritiene imprescindibile, pur lasciando ampio spazio alla creatività degli artisti:

la figura di San Michele arcangelo rappresentato come guerriero alato, in armatura, con spada o lancia con cui sconfigge il demonio, raffigurato come un essere mostruoso o un drago. Il Santo può avere in mano anche una bilancia con cui pesa le anime;

i loghi e i colori dei quattro Rioni (Moncioveta - rosso; Portella - blu; San Rocco - verde; Sant’Angelo - giallo);

- l’anno (2019) e il numero di edizione (57a).

Il bozzetto dovrà essere accompagnato da due testi dattiloscritti (in cartella formato A4 di lunghezza massima di 2.500 battute, spazi compresi, per ciascun foglio) contenenti:

1. la descrizione dell’immagine e delle simbologie dell’opera, dei tessuti e dei materiali scelti per la realizzazione dello Stendardo, tipologia dei supporti di sostegno;

2. la presentazione dell’artista: residenza, opere e mostre realizzate, stile artistico di riferimento e tecniche perseguite, ecc.

 

5.Tempi e modalità di partecipazione

Il bozzetto dovrà essere inviato, a proprie spese, all’Ente Palio, entro e non oltre, il 31 maggio 2019 al seguente indirizzo:

L’Arredamento 2P  -  Via Insula Romana, 7

06083  -  Bastia Umbra (PG)

 

Il bozzetto sarà trasmesso all’Ente Palio esclusivamente attraverso le seguenti modalità:

-          invio a mezzo posta, a spese del concorrente;

-          invio a mezzo corriere, a spese del concorrente;

-          consegna a mano, all’indirizzo sopra indicato, nei seguenti orari: dal lunedì al venerdì: 8.00 – 12.00 / 16.00 – 19.00; sabato 8.00 – 12.00.

 

Per le consegne per posta farà fede la data di spedizione riportata sul timbro postale dell’Ufficio accettante; per quelle effettuate tramite corriere farà fede la data di recapito al vettore; per i plichi consegnati a mano, sarà rilasciata debita ricevuta.

La partecipazione al concorso s’intende in forma ANONIMA e pertanto per motivi organizzativi e ottenere un ragionevole grado d’uniformità che consenta un equo giudizio, gli elaborati dovranno essere inviati in un unico plico sigillato con riportata all’esterno la sola dicitura “Bozzetto per la realizzazione dello Stendardo del Palio de San Michele in Bastia Umbra - 57a edizione 2019” e l’indirizzo di spedizione.

All’interno, del plico dovranno essere inseriti i seguenti elementi:

1. il bozzetto, che non dovrà recare la firma dell’autore sia sulla fronte sia sul retro;

2. la descrizione dell’immagine dello Stendardo (vedi al punto 4) senza alcun riferimento personale o firma dell’autore;

3. una busta bianca, opaca e sigillata, con riportata all’esterno la sola dicitura “Bozzetto per la realizzazione dello Stendardo del Palio de San Michele in Bastia Umbra - 57a edizione 2019” e contenente a sua volta:

a. la scheda di partecipazione, allegata al presente bando (allegato 1), debitamente compilata e firmata;

b. la presentazione dell’artista (vedi al punto 4).

La riconoscibilità degli elaborati presentati implica automaticamente l’esclusione dal concorso.

 

6. Giuria e modalità di aggiudicazione del concorso

Tutti gli elaborati pervenuti saranno sottoposti a insindacabile giudizio della Giuria tecnica, composta dai seguenti undici membri:

  • Presidente dell’Ente Palio: Federica Moretti
  • Coordinatore del Palio: Alioscha Menghi
  • Capitani dei quattro Rioni: Giulia Belloni (Moncioveta), Giacomo Ceccarelli (Portella), Simone Ridolfi (San Rocco) e Andrea Ciuchicchi (Sant’Angelo).
  • Artisti qualificati e professionisti: Giuliano Belloni, Maria Caldari, Gianluca Falcinelli e Carlo Fabio Petrignani.
  • Delegato del Consiglio Direttivo al coordinamento del concorso: Teresa Morettoni.

 

La Giuria, dopo attenta valutazione, proclamerà il vincitore del concorso, entro e non oltre il 15 giugno 2019.

La Giuria si riserva la possibilità di chiedere all’autore vincitore alcune modifiche o migliorie ritenute appropriate per la realizzazione finale dello Stendardo del Palio. Qualora l’artista non intenda aderire a tali istanze, lo stesso sarà escluso dal concorso e si procederà ad aggiudicare il riconoscimento al concorrente successivo nella classifica. 

All’artista vincitore sarà assegnato un premio pari a € 500,00 (cinquecento).


7. Realizzazione dello Stendardo del Palio

L’artista dovrà realizzare lo Stendardo su un supporto non rigido (tessuto, tela, ecc.), con orientamento verticale e indicativamente con le seguenti dimensioni: massime, 200 x 150 cm; minime, 170 x 120 cm. Tuttavia le misure e il formato non sono elementi obbligatori, per questo nella scelta si lascia piena libertà esecutiva all’autore.

Eventuali modifiche, che per l’artista si renderanno necessarie, sia sullo Stendardo sia sul supporto, rispetto al bozzetto vincitore dovranno essere lievi e, in ogni caso, sottoposte alla preventiva valutazione e approvazione dell’Ente Palio.

Lo Stendardo definitivo non può essere realizzato a stampa ma prodotto con qualsiasi tipo di materiale e tecnica artistica, purché sia eseguito a mano.

La consegna dello Stendardo del Palio dovrà essere effettuata, inderogabilmente, entro e non oltre, il 2 agosto 2019. Qualora, l’opera non sia realizzata entro tale termine, l’artista vincitore non avrà diritto al premio. Lo Stendardo dovrà essere consegnato a cura del vincitore del concorso, mentre rimangono in carico all’Ente Palio la realizzazione e il sistema delle aste di sostegno per lo stesso, fino a un massimo di € 300,00 (trecento).


8. Utilizzo e riproduzione dell’immagine

I concorrenti autorizzano l’Ente Palio a utilizzare a proprio insindacabile giudizio, tutti i bozzetti pervenuti, negli eventi inseriti nel programma della festa patronale per il mese di settembre 2019, dopo di che tutti gli elaborati non scelti saranno incamerati nell’Archivio storico del Palio.

Ogni partecipante conserva la proprietà delle opere trasmesse, ma cede il diritto d’uso, non esclusivo, delle immagini e delle loro eventuali elaborazioni all'Ente Palio, autorizzandolo alla pubblicazione della propria opera su qualsiasi mezzo e supporto (cartaceo e/o digitale) e all’uso delle immagini e riproduzioni della stessa a scopi promozionali senza l’obbligo del consenso dell’autore. In nessun caso l'autore potrà chiedere la cancellazione o la limitazione d’utilizzo dell'opera inviata.


9.Esclusione dal concorso

Le opere che non perverranno nei termini stabiliti e quelle non conformi ai requisiti richiesti non potranno partecipare al concorso né saranno esposte o utilizzate negli eventi previsti nel programma della festa patronale.


10. Garanzia d’originalità e impegno di non divulgazione delle immagini delle opere

L’Ente Palio declina ogni responsabilità riguardo al contenuto delle opere in concorso. Ciascun artista si fa garante dell’originalità della propria opera e risponderà personalmente, in tutte le sedi, giudiziali e stragiudiziali, di fronte a terzi che lamentino eventuali lesioni di diritti. Ogni artista partecipante s’impegna a non pubblicare, diffondere o, comunque, rendere nota a terzi l’immagine, sia integra sia parziale, raffigurata nella propria opera fino al momento della cerimonia di presentazione ufficiale, pena l’esclusione dal concorso.

Lo stesso vale anche dopo la cerimonia della presentazione ufficiale. Sarà l’Ente Palio attraverso i suoi canali di comunicazione a rendere pubblica l’immagine dello Stendardo del Palio.


11. Mancata idoneità dei bozzetti presentati

Nel caso in cui nessuno dei bozzetti presentati fosse ritenuto idoneo per la realizzazione dello Stendardo del Palio, la Giuria si riserva la facoltà di non assegnare a nessuno dei concorrenti il premio e incaricare direttamente un’artista per la sua realizzazione.


12. Note finali

Per quanto non previsto sul bando di concorso, valgono le decisioni assunte dalla Giuria.

La partecipazione al concorso sottintende l’integrale accettazione del presente bando.

 

                                                                            La Presidente dell’ Ente Palio de San Michele

                                                                         Federica Moretti

----------------------------------------

 

Per informazioni:

Mail: info@paliodesanmichele.it

Segreteria del Concorso: 347 8740224

 

Il bando di concorso è scaricabile dal sito ufficiale dell’Ente Palio: www.paliodesanmichele.it.

Inoltre, visitando il sito (www.paliodesanmichele.it) o la pagina Facebook (Ente Palio de San Michele) è possibile conoscere la storia e le peculiarità del Palio de San Michele e dei quattro Rioni.

______________________________________________________________________________

 

Allegato n. 1

 

SCHEDA DI PARTECIPAZIONE AL CONCORSO

“STENDARDO DEL PALIO 2019”

 

Dati dell’autore

Nome:

 

 

 

Cognome:

 

 

 

Indirizzo:

 

 

 

CAP:

 

 

 

Città:

 

 

 

Provincia:

 

 

 

 

 

Contatti dell’autore

Telefono:

 

 

 

Cellulare:

 

 

 

Mail:

 

 

 

 

 

Ai fini dell’iscrizione, DICHIARO di:

- aver preso visione del REGOLAMENTO del concorso stesso e di accettarlo;

- essere l’autore dell’opera presentata in concorso.

 

Firma

 

 

 

Trattamento dei Dati Personali (Tutela della Privacy)

Con la compilazione della scheda si dichiara di aver letto e accettato quanto riportato dal Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. 196/2003); la partecipazione al concorso comporta, da parte dell’Autore l’autorizzazione al trattamento, con mezzi informatici o meno, dei dati personali e alla loro utilizzazione da parte dell’Ente Palio.

 

Firma

 

 

Data

 

 


______________________________________________________________________________

 

Allegato n. 2

 

INFORMAZIONI GENERALI SUL PALIO DE SAN MICHELE

 

Cos’è il Palio?

Il “Palio” è uno Stendardo dipinto che è assegnato ogni anno al Rione vincitore.

La festa nasce nel 1962 da un’idea del parroco del tempo, don Luigi Toppetti, e di alcuni giovani nell’ambito delle manifestazioni folkloristiche e culturali previste per celebrare l’inaugurazione della nuova chiesa parrocchiale dedicata al patrono di Bastia Umbra, san Michele arcangelo. Una festa nata per caso, ma che ancora oggi a distanza di quasi 60 anni desta entusiasmo e fantasia crescendo in qualità, interesse e partecipazione tanto da ritagliarsi, nel ricco panorama umbro, un proprio rilevante spazio per originalità e creatività.

Il Palio è una sfida fra quattro Rioni che si affrontano su tre prove:

-  le Sfilate, sono spettacoli teatrali di piazza, messi in scena in sul sagrato della Chiesa di San Michele Arcangelo. Ogni Rione presenta uno spettacolo diverso a tema libero arricchito da scenografie fisse e mobili (dette carri). Si tratta di strutture interamente realizzate dai rionali con l'utilizzo di materiali differenti (ferro, legno, gommapiuma, plastica... senza limiti alla fantasia). Attori, comparse e ballerini sono per la maggior parte non professionisti, ma giovani e adulti che sfidano se stessi cimentandosi nell'arte teatrale. Centinaia di uomini, donne e bambini di ogni età ed estrazione sociale recitano, danzano, mimano con grande professionalità e qualità scenica, tanto da essere apprezzati anche da personalità dello spettacolo a livello nazionale. È un vero e proprio teatro popolare che si avvale di tutte le forme espressive, con effetti di grande impatto estetico ed emotivo.

-  i Giochi, è la competizione ludica del Palio composta da quattro prove: tre di tipo tradizionale (Corsa con i sacchi, Tiro alla fune e Albero della Cuccagna) e una moderna, che è periodicamente cambiata.

-  la Lizza, è una corsa a staffetta lungo piazza Mazzini, dalla Chiesa di San Michele Arcangelo al Palazzo Comunale e ritorno, disputata da quattro atleti per ciascun Rione, per una lunghezza di 400 metri. Durante questa prova, l'atmosfera, carica di ansia e di elettricità, si comprime in un silenzio irreale al momento della partenza, per poi esplodere in un enorme boato sino al traguardo.

 

Visitando il sito ufficiale (www.paliodesanmichele.it) o la pagina Facebook (Ente Palio de San Michele) è possibile avere tutte le informazioni sulle peculiarità e visionare le immagini del Palio de San Michele e dei quattro Rioni.                                                                              


Per il Consiglio Direttivo Ente Palio de San Michele

il Presidente

Federica Moretti